PAG   21

            Analogie comportamentali  tra  O.G. e Momenti angolari 

.  Alla luce della Relativita' Generale questo problema non si e' mai posto perche' tale fenomeno non lo si conosceva.

1) Questi due fenomeni (le transizioni rotazionali e le O.G.) vengono generate da materia in rotazione accelerativa  e da  materia in rotazione propria ,in avvicinamento e in allontanamento

.2)Prendiamo una massa la facciamo ruotare attorno al proprio asse e seguiamola nei parametri.La velocità di rotazione, la frequenza la dimensione il peso ecc. Per prima esaminiamo la frequenza di rotazione che diventa la frequenza fondamentale per cui non possono essere emesse altre frequenze    e quindi una sola.,chiamata frequenza fondamentale  che viene rappresentata dalla frequenza dei momenti angolari . Tali momenti angolari hanno come risultato potenze enormi circa 10^24 più intense  confrontate con le O.G. relativistiche,che anche se esistessero non potrebbero essere emesse perché la astronomica potenza dei momenti angolari le annichilerebbe. Non è il momento angolare che viene emesso ma una transizione rotazionale,generata dal momento angolare. che rappresenta la vera onda gravitazionale, che esce in caso di accelerazione o decelerazione del momento angolare  vedi effetto Galileo.

 3) In fisica moderna è stato accertato che onde gravitazionali che attraversassero il globo terrestre dalla parte opposta tale segnale risulterebbe attenuato di soli 10 ^-18 Ecco perché la materia si ritiene trasparente alle onde gravitazionali .A questo punto bisogna fare una considerazione se tale onda gravitazionale attraversasse lo spazio tale energia subirebbe una attenuazione provocato dall'inverso del quadrato della distanza. Questo fenomeno di trasparenza è attualmente l'unica energia ad essere beneficiata.

4) In laboratorio i volani messi in contenitori cilindrici antimagnetici e con spessore di cm. 2   altezza cm.12  con diametro esterno cm.12, interno cm.8 e chiusi ermeticamente. Il volano interno che funzio   na da rivelatore percepisce le transizioni rotazionali come se il contenitore esterno non esistesse. A testimoniare che il contenitore di materia  così spessa è perfettamente trasparente alle transizioni rotazionali generate dai momenti angolari, come si vuole per le O.G. Quindi,la materia  risulta trasparen te. alle  O.G ed   alle Transizioni Rotazionali  generate dai Momenti Angolari . Anche questa analogia ci pensare che le Transizioni Rotazionali generate dai momenti angolari in accelerazione   siano le vere  Onde Gravitazionali

5 )  Una massa qualsiasi genera intorno a un campo gravitazionale, ovvero configura lo spazio-tempo in modo tale che qualsiasi corpo che transiti o sia immerso in quel campo è virtualmente sottoposto ad una Forza Gravitazionale ma se tali masse ruotano attorno ai propri assi vi è anche una interazione  agente corrispettivamente sui momenti angolari.delle due masse.

6) La locuzione transizione rotazionale fisicamente è giusta perché il segnale trasmesso dal volano trasmettitore viene percepito dal ricevitore solo se i due volani sono paralleli al piano di rotazione.se fosse un disturbo di qualsiasi genere entrerebbe anche se i volani non fossero paralleli al piano di rotazione. Per quale motivo non deve essere un'onda.Quale tipo di disturbo può avere la capacità di trasmettere intelligentemente una variazione rotazionale oraria e antioraria a dimostrazione che tale onda raggiunta nel volano,  riesce a distinguere l'onda ricevuta  trasmessa di rotazione oraria o antioraria .

7) Le O.G. e le transizioni rotazionali sono trasparenti alla materia e non hanno nulla a che vedere con le onde  elettromagnetiche .

 8)Una massa in rotazione genera una frequenza la quale viene considerata (frequenza fondamentale)   Per cui è una sola rotazione creata dal momento angolare che risulta enorme 10^24 più grande delle O.G: relativistiche .Un oscillatore è impossibile possa generare due frequenze. Mi si deve spiegare in che maniera fisica una massa in rotazione accelerativa può emettere una transizione rotazionale ed una O.G. relativistica mi sembra fuori da ogni sistema fisico di buon senso e fisico logico. Ecco perché si considerano le transizioni rotazionali generate dai momenti angolari in accelerazione le vere O.G.

9) La transizione rotazionale generata dal momento angolare,  che sia un'Onda Gravitazionale è evidenziata  da questi motivi:

A) All'interno del contenitore può entrare solo un'onda gravitazionale che è l'unica ad essere trasparente alla materia del contenitore

B) Il volano Rivelatore ubbidisce istantaneamente alla mia accelerazione eseguita col volano trasmettitore in accelerazione, distinguendo se il segnale ricevuto è di rotazione oraria o antioraria

C) tale segnale viene ricevuto solo se lo comando io

D) Non può essere un segnale riflesso dimostrando che tali segnali attraversano i muri senza riflessioni, a testimonianza in ricezione di un segnale unico ed istantaneo provocato esclusivamente alla emissione del volano trasmettitore ...

10)Vi sono alcuni comportamenti diversi   A)  I momenti angolari vengono emessi paralleli al piano di rotazione della mas sa, sperimentato in laboratorio e quindi certo. Mentre fino ad oggi teoricamente si pensava che i momenti angolari fossero emessi ortogonali al piano di rotazione, .come del resto anche le O.G.

11)  Noi dovremmo per prima cercare di ricevere le onde di transizioni rotazionali create dai momenti angolari in accelera zione, perché nell'universo come in laboratorio la generazione  di onde di momento angolare non permetteranno l'uscita di onde dimensionalmente  inesistenti  di tipo O.G. relativistiche perché la frequenza essendo quella del momento angolare tale onda è già l'Onda Gravitazionale

Finalmente  si è accesa una luce sulle Onde Gravitazionali

Oggi finalmente dopo a quasi 100 anni dalla enunciazione nella R.G. di A.Einstein della previsione delle Onde Gravitazionali. Nel nostro laboratorio eseguendo degli esperimenti con delle masse in rotazione (Volani ) si sono verificati fenomeni nuovi, che hanno creato  probabilmente nuovi orizzonti  e nuovi sistemi di ragionamento della fisica riguardante l'approfondimento dello studio dei momenti angolari delle masse in rotazione, alla trasmissione   e alla ricezione di Onde Gravitazionali . Alla luce della Relativita' Generale questo problema non si e' mai posto perche' tale fenomeno non lo si conosceva.Oggi sappiamo della interazione che vi è tra masse in rotazione, in avvicinamento ed in accelerazione.ed è stata chiamata (interazione gravitocentrifuga) scoperta e brevetto del nostro laboratorio .

La gravità  vista da   Newton ed Einstein

Una massa qualsiasi genera intorno a un campo gravitazionale, ovvero configura lo spazio-tempo in modo tale che qualsiasi corpo che transiti o sia immerso in quel campo è virtualmente sottoposto ad una forza gravitazionale. Se tali masse oltre che avvicinarsi ruotassero contemporaneamente attorno ai propri assi vi sarebbe anche una interazione  agente corrispettivamente sui propri momenti angolari delle due masse. Alla luce della Relativita' Generale questo problema non si e' mai posto perche' tale fenomeno non lo si conosceva. Due masse in rotazione costante attorno ai propri assi  e messe nello spazio a pochi metri di distanza una dall'altra  e poste sul medesimo piano di rotazione, se la prima  massa accelera emette delle  transizioni rotazionali generate dai momenti angolari  (che sono le vere  Onde Gravitazionali) che vanno  ad interagire sulla seconda massa accelerandola o decelerandola. Questo è quello che succede con tutti gli astri nell'universo che ruotando in avvicinamento o in allonamento interagiscono tra loro tramite l'emissione e ricezione di transizioni rotazionali generate dai propri momenti angolari  .Tali onde risultano più grandi delle O.G. relativistiche di 10^24  e come tali possono interagire con la materia .  

Fino ad oggi si è pensato che un'onda gravitazionale si generi da una variazione metrica dello spazio tempo, e che per rilevarla occorra una apparecchiatura basata sulla variazione metrica della materia. Verificandosi fino ad oggi tutta una serie di insuccessi che determinano con certezza  che la ricerca fatta fino ad oggi è fuori strada. Vi è una grande diversità energetica  tra masse che si avvicinano  rettilineament